a cura di Giovanni Basciano e Antonina Silvana Basciano


a cura di Giovanni Basciano e Antonina Silvana Basciano


FERRAGOSTO TRAPANESE

Durante la settimana di Ferragosto, Trapani andava in fermento per i festeggiamenti in onore di Maria SS. di Trapani. L' Enal sin dall' immediato dopo guerra veniva incaricato dal Comune di Trapani per l' organizzazione di tutti gli eventi che gravitavano intorno ai festeggiamenti religiosi. Venivano organizzate gare di nuoto per l'ottenimento del brevetto atletico; la tradizionale traversata a nuoto  del porto ( Colombaia-Molo Sanità); giochi a mare; gare di Ciclismo e pattinaggio; concerti; raduni folkloristici e gare di bici per bambini e gare in automobiline a pedali.

La sera del 16 agosto, durante il passaggio della processione della Madonna di Trapani, si svolgeva anche il concorso per i balconi con l'addobbo più bello. A mezzanotte i giochi pirotecnici illuminavano il mare e nelle serate successive, presso la villa Margherita continuavano a tenersi spettacoli.

CORO DELLE EGADI

Durante il " ventennio " l' organizzazione statale, come da tradizione classica, poneva l'attenzione sulle feste stagionali che prevedevano anche spettacoli di tradizione popolare. Seguendo questo indirizzo nel 1935, il direttore dell' OND provinciale di Trapani dell' epoca realizzò una ricerca capillare di canti, danze e musiche tradizionali trapanesi e riunendo musicisti, canterini e danzatori fondò il " CORO DELLE EGADI".
Trapani fu la seconda provincia siciliana ad avere un gruppo folkloristico e si distinse nell'ottenere subito grandi successi sia in Sicilia che nel resto della nazione, sotto la direzione amministrativa del giovane Giacomo Basciano e la direzione musicale del maestro Peppino Bulgarella.
La guerra rallentò le attività ricreative indette dall' OND e nel 1941 le attività del "Coro" vennero interrotte bruscamente.
Non appena l' ENAL  divenne operativo sul territorio organizzo un intenso lavoro di ricerca per reperire costumi e strumenti tradizionali. Fu grazie alla premura di alcuni canterini dell' OND che, malgrado la devastazione della guerra, essendo riusciti a salvare strumenti e costumi il coro potè ritornare in attività. 

Tra il 1945 e il 1950 i vecchi componenti del Coro, pur non essendoci ancora ufficialmente l'istituzione del gruppo folkloristico nell'ambito dell' ENAL, continuarono ad allietare le feste e le manifestazioni con le loro esibizioni. Solo dal 1950 venne ricostituito il "Coro delle Egadi" e da allora ricominciò a partecipare alle varie manifestazioni folkloristiche in Italia e all'estero.

Negli anni sono state realizzate varie pubblicazioni sul Coro delle Egadi: l'opuscolo del 1975 per il 40° anniversario; la pubblicazione per i 50 anni ed infine il libro per il 65° anniversario. Non si vuole aggiungere nulla a quanto già noto si desidera solamente apportare ulteriori testimonianze sull'attività del coro con qualche foto inedita.

SAGRA DEL TONNO - La Mattanza

La ripresa economica della città subito dopo la fine del conflitto mondiale ripartiva dalle risorse del territorio, quindi niente di meglio che celebrare il rito della mattanza. La prima sagra del Tonno, organizzata dall' ENAL e dall'EPT, ebbe luogo nel 1947 e i canti e l'atmosfera,  della particolare pesca, contribuivano alla pubblicità del prezioso prodotto.
Per propagandare la "mattanza" l' ENAL con l' EPT convogliavano, da Trapani a Favignana, una molteplicità di turisti e tesserati, curiosi di assistere alla cruenta pesca. Si partiva all'alba dal porto di Trapani con una apposita motonave e con varie imbarcazioni private, a tutti veniva distribuita una colazione al sacco e il viaggio era allietato da canti popolari e dalla goliardia del gruppo storico organizzativo, composto da volontari, dell' ENAL provinciale.

Giunti sul posto le imbarcazioni si affiancavano a quelle dei tonnaroti in modo da godere il più vicino possibile la lotta fra i pescatori e i tonni.
Terminata la mattanza tutti si recavano a Favignana per la messa di ringraziamento per la ricca pesca, dopodiché si pranzava tutti insieme degustando i piatti tipici dell'isola. prima del tramonto si faceva ritorno al porto di Trapani, stanchi, abbronzati e soddisfatti dell' esperienza vissuta.

SAGRA DELL'UVA

L' ENAL di Trapani nel 1953 fu incaricato da un apposito comitato, presieduto dal Prefetto, di organizzare la prima sagra dell'uva, nell'ambito della campagna propagandistica per il maggior consumo di uva.
La sagra aveva luogo presso la villa "Margherita" di Trapani e appositi banconi posti all'ingresso e lungo il viale principale accoglievano il pubblico a cui veniva fatto dono  di grappoli di uva.
Il grande palcoscenico allestito al centro dell' esedra della villa era il fulcro della manifestazione, infatti da li venivano informati i presenti delle motivazioni dell'iniziativa e venivano allietati dalle esibizioni del "Coro delle Egadi", altri cori ospiti, musicisti, cantanti e dalla banda del CRAL ENAL. Sempre sul palco avvenivano le premiazioni dei concorsi di "Arte varia" e "Chioschi e vetrine".

CONCORSO MIGLIOR PRESEPE CRISTIANO

Il presepe era una tradizione molto radicata a Trapani tanto da spingere l' ENAL ad indire un concorso apposito che vedeva la partecipazione di scuole, Istituti, Enti, Chiese e molti privati cittadini.

L' arte "presepiale" vedeva la realizzazione della natività con le più disparate tecniche ed una apposita giuria visitava i presepi allestiti valutandoli a seconda delle categorie di appartenenza.
In un'apposita manifestazione si premiavano i presepi vincitori.

CONCORSO MIGLIOR LETTERINA A GESU' BAMBINO

Il periodo natalizio dell'epoca era denso di iniziative e manifestazioni sia in campo familiare che sociale, fra queste vi era la tradizionale letterina a Gesù  che quasi tutti i bambini scrivevano.

L'ENAL in collaborazione con il provveditorato agli studi indisse il concorso per gli alunni delle Scuole Elementari sulla miglior letterina a Gesù Bambino. Era compito delle maestre raccogliere gli elaborati e consegnarli all'apposita giuria che, dopo l' Epifania, dopo averli valutati, si recava presso gli Istituti scolastici per premiare i vincitori alla presenza delle autorità.

PROCESSIONE DEI MISTERI